La colelitiasi

Your ads will be inserted here byEasy Plugin for AdSense.Please go to the plugin admin page toPaste your ad code OR Suppress this ad slot. Tweet “Con ...

Lo studio odontoiatrico del Dr Vincenzo Ginefra è per tutta la famiglia.
Pocket Salute visita lo studio odontoiatrico del Dr Vincenzo Ginefra nella città di Chieti
Il progetto contenuto nella Legge di Bilancio per il 2017 che renderà flessibile l’età pensionabile per i lavoratori iscritti alla previdenza pubblica obbligatoria a partire dal 1° Maggio 2017

Your ads will be inserted here by

Easy Plugin for AdSense.

Please go to the plugin admin page to
Paste your ad code OR
Suppress this ad slot.

scanning of a stomach of the woman.“Con il termine di colelitiasi si intende in medicina la presenza di calcoli nella colecisti.”

La colecisti é un piccolo sacchetto posto sulla faccia inferiore del fegato che serve da serbatoio per la bile, liquido giallastro prodotto appunto dal fegato, indispensabile per rendere digeribili i grassi introdotti con l’alimentazione.

La colecisti attraverso un tubicino chiamato coledoco, comunica con il duodeno dove la bile viene riversata. Il tratto terminale del coledoco si unisce con il dotto pancreatico assumendo il nome di dotto comune, esso termina nella papilla di Vater che, agendo come uno spruzzatore, immette bile e succhi pancteatici nel duodeno.

La bile che si raccoglie nella colecisti ha una fluidità simile all’acqua, capita però che per motivi genetici, o più frequentemente per una alimentazione eccessivamente ricca di grassi, essa possa aumentare di densità sino a raggiungere la consistenza del miele. Parleremo allora di addensamento biliare. L’addensamento biliare comporta un alterato meccanismo di rilascio della bile nel duodeno in quanto l’elevata densità ne comporta una difficoltosa progressione verso il duodeno.

Altra situazione che può crearsi in seguito all’addensamento biliare é la formazione all’interno della colecisti di fango biliare: un precipitato che ha l’aspetto e la consistenza del fango vero e proprio.

Fase finale dell’alterazione della consistenza biliare é la formazione di calcoli, cioè di vere e proprie pietruzze che si formano all’interno della colecisti, aventi durezza variabile da quella di fango essiccato sino alla consistenza simile alla ghiaia. Le dimensioni possono variare da quelle della sabbia marina sino a formazioni occupanti per intero il lume della colecisti.

I sintomi dell’addensamento e della litiasi della colecisti sono simili, possono andare da una semplice difficoltà digestiva, alla bocca amara ed impastata, al dolore più o meno accentuato (colica) localizzato in genere al fianco ed emicostato destro, frequentemente con una irradiazione del dolore alla spalla destra.

La bile molto densa ed i calcoli di piccola dimensione, possono andare ad intasare il dotto comune o la papilla di Vater, ciò può comportare anche il blocco dei succhi pancreatici che iniziano a refluire verso il pancreas andando a determinare la cosidetta pancreatite, una situazione in genere molto grave in cui il pancreas viene “autodigerito” dai succhi pancreatici. Non é evenienza rara il decesso del malato colpito da pancreatite grave.

La diagnosi di bile addensata o colelitiasi si pone in genere con l’esame ecografico, esso permette di visualizzare molto bene la presenza di calcoli o microcalcoli nel lume della colecisti o nel coledoco ed anche l’eventuale presenza di fango o semplice addensamento biliare.

Il trattamento dell’addensamento biliare e della colelitiasi consiste innanzitutto nella somministrazione di farmaci a base di acido ursodesossicolico che fluidifica la bile addensata ed il fango biliare e può riuscire a scioglere i calcoli più teneri.

In caso di fallimento della terapia farmacologica può essere necessaria la chirurgia, sopratutto nei pazienti con o a rischio di pancreatite.

Attualmente l’asportazione della colecisti si esegue quasi sempre con la laparoscopia, intervento ormai molto sicuro con il quale, attraverso tre piccoli tubi di acciaio che vengono inseriti nell’addome del paziente, il chirurgo può rimuovere la colecisti senza più bisogno delle grandi ed antiestetiche cicatrici comuni sino a pochi lustri fa.

Sergio Guerri

Sergio Guerri

Specialista in Ecografia at Dagnostica Ecografica, Chieti
Sergio Guerri

Latest posts by Sergio Guerri (see all)

The following two tabs change content below.
Sergio Guerri

Sergio Guerri

Sergio Guerri

Ultimi post di Sergio Guerri (vedi tutti)

Share