Mastopessi (o lifting del seno)

Mastopessi (o lifting del seno)

Your ads will be inserted here byEasy Plugin for AdSense.Please go to the plugin admin page toPaste your ad code OR Suppress this ad slot. Tweet“Il se...

Your ads will be inserted here by

Easy Plugin for AdSense.

Please go to the plugin admin page to
Paste your ad code OR
Suppress this ad slot.

mastopessi“Il seno nel corso della vita cambia aspetto perdendo la forma/posizione giovanile ed il tono.”

Questi cambiamenti derivano sia dal cronoinvecchiamento, con riduzione dell’elasticità cutanea, sia dalla gravidanza, l’allattamento, e le fluttuazioni del peso corporeo, con un aumento del diametro delle areole.

La mastopessi (o lifting del seno) solleva e rimodella il seno restituendo un profilo più giovanile, un aumento del tono di mammelle scese (ptosiche) e di consistenza molle e riduce le dimensioni delle areole.

Non tutti i seni ptosici sono uguali e ognuno va affrontato con un approccio personalizzato che tenga  conto della fisicità intrinseca della paziente (spalle e fianchi).

CASO 1

CASO 1

CASO 2

CASO 2

CASO 3

CASO 3

CASO 4

CASO 4

Il caso 1 rappresenta una paziente giovane che chiede solo di sollevare il seno senza ridurlo eccessivamente riducendo anche i diametri delle areole. Dal punto di vista tecnico si prevede un rimodellamento con sollevamento della ghiandola, riposizionamento dell’areola-capezzolo senza ridurre la mammella, o il minimo indispensabile.

I casi 2, 3 e 4 sono signore che hanno avuto figli e dopo aver allattato e rientrate nel peso forma si sono ritrovate delle mammelle svuotate e scese. I casi 2, 3 la componente ghiandolare ed adiposa è ridotta al minimo mentre nel caso 4 è ancora presente della ghiandola.

Nei casi 2 e 3 la mastopessi è accompagnata dall’inserimento di una protesi al di sotto del muscolo pettorale per migliorare il volume.

Nel caso 4 essendo presente la ghiandola sarà utilizzata come auto-protesi + inserimento di una protesi più piccola al di sotto del muscolo pettorale per ridare un volume più piacevole.

Gli esempi sopra riportati rappresentano i quadri più comuni in età diverse e problematiche differenti.

L’intervento viene pianifiato basandosi su parametri precisi:

– dimensioni e forma del seno;

– diametro e posizione di areola e capezzolo;

– grado di cedimento del seno;

– qualità ed elasticità della pelle;

– quantità della cute in eccesso.

Anestesia. Un medico specialista in anestesia somministrerà i farmaci anestetici; le possibilità sono un’anestesia locale + una sedazione profonda in respiro spontaneo, con tempi di recupero rapidissimi. Oppure una classica anestesia generale.

Incisioni. Possono essere fatte intorno all’areola, intorno all’areola e verticalmente fino al solco sottomammario e, intorno all’areola e verticalmente fino al solco sottomammario e trasversalmente lungo il solco. Al termine saranno inseriti drenaggi per agevolare la fuoriuscita di liquidi ed evitare raccolte di sangue e siero e saranno rimossi nel giro di pochi giorni.

Rimodellamento del  seno. Il tessuto mammario viene sollevato e modellato per migliorare il contorno. L’areola viene ridotta. Il complesso areola-capezzolo viene riposizionato ad un livello naturale più giovanile. Ove necessario sarà inserita una protesi sotto il muscolo pettorale. La pelle in eccesso viene rimossa per compensare la perdita di elasticità.

Sutura delle incisioni. Una volta che i seni sono stati rimodellati, le areole ridotte, i capezzoli rialzati e le protesi inserite (ove necessario), si procede con le suture che saranno tutte di tipo intradermico cioè senza punti esterni da rimuovere.

Le cicatrici (inevitabili) sono mimetizzate nei solchi e intorno all’areola e se il processo di maturazione delle cicatrici proseguirà in modo naturale e normale saranno poco visibili e comumque completamente nascoste dentro il reggiseno.

I risultati sono immediatamente visibili; il gonfiore (edema) si ridurrà in poche settimane.

In genere il solo sollevamento non cambia di molto le dimensioni del seno.  Se si desidera anche un aumento del volume si inseriranno delle protesi al di sotto del muscolo pettorale,  se al contrario si desidera una riduzione del volume oltre alla pessi (sollevamento) è possibile anche una contestuale riduzione.

Dott. Donatello Di Mascio Specialista in Chirurgia Plastica, Ricostruttiva ed Estetica
Studio Medico:
Via Fabio Filzi 5, Pescara  Tel. 338 9304564
E-mail:
donatello.dimascio@alice.it
Iscrizione Ordine dei Medici:
numero 5255 Odm Parma

 

Donatello Di Mascio

Donatello Di Mascio

Specialista in Chirurgia Plastica ed Estetica at Parma, Pescara
Donatello Di Mascio

Latest posts by Donatello Di Mascio (see all)

The following two tabs change content below.
Donatello Di Mascio

Donatello Di Mascio

Donatello Di Mascio

Ultimi post di Donatello Di Mascio (vedi tutti)

Share